fbpx
Storie, Racconti, Notizie sul mondo del Vino

SACRO E PROFANO: IL BARBERA CHE NON T’ASPETTAVI

Ed i suoi abbinamenti culinari più divini e peccaminosi

Di Angeli e di Demoni si parla solitamente nelle grandi commedie d’un tempo, nelle pièce teatrali più rinomate e chiaramente in tutti gli affreschi dei nostri più cristiani luoghi di culto.

Di Angeli e di Demoni si parla in moltissimi film hollywoodiani e serie TV da serata su Netflix, in svariati fumetti moderni e classiconi musicali.

Di Angeli e di Demoni non si è però mai parlato in viticoltura ed enologia, ma c’è sempre una prima volta…

    Come accennato siamo un grande popolo di artisti ed esteti, caratterizzati da invettiva, creatività e spirito imprenditoriale.

Siamo un popolo dedito alla letteratura, al teatro, alla pittura e scultura.

Un popolo dedito alla musica, alla cucina ed – inutile dirlo – al buon vino, quello delle eccellenze da “Made in Italy” famose nel mondo.

Brandendo infatti l’italico orgoglio del “buono e bello” è recentemente, e proprio a cavallo della pandemia, venuta alla luce una nuova ed inedita etichetta.

Una Barbera D’Asti dalle peculiari quanto uniche caratteristiche, ma sempre italiana al 100% e figlia rispettosa d’una longeva ed amata tradizione.

Quanto conosci il vino Barbera D’Asti?

La Barbera d’Asti è un vino a DOCG la cui produzione originale avviene nelle province di Asti ed Alessandria, in Piemonte.

La Barbera viene prodotta dalle uve dell’omonimo ed indigeno vitigno, in aree collinari comprese tra i 150 e i 400 metri di altitudine, aventi tutte un clima temperato e poco ventoso. 

La Barbera appare per la prima volta in uno scritto del XVII secolo conservato nel municipio di Nizza Monferrato. Entra ufficialmente poi nell’elenco dei vitigni piemontesi nel 1798

per diffondersi ed acquisire fama fra Ottocento e Novecento: oggi viene considerato il principale vitigno a bacca nera del Piemonte.

Signori e Signore, rullo di tamburi per… La Barbera Angeli e Demoni!

Vi abbiamo promesso un’etichetta inedita e a noi Winelover piace mantenere le promesse!

Una Barbera D’Asti dal nome tanto particolare quanto evocativo: non siamo qui per continuare a chiacchierare amici del calice pieno, siamo qui per degustare insieme questa particolarissima bottiglia di “Angeli e Demoni”.

E se vi raccontassimo che, se correttamente abbinato, il vino Angeli e Demoni, fosse in grado di far emergere l’Angelo o il Diavolo sopito in voi?

Cosa accadrebbe se questo rosso corposo potesse evocare, ad esempio se abbinato ad un brasato saporito, il lato più audace di voi stessi?

Come abbinare a tavola il Barbera D’Asti Angeli e Demoni?

Non indugiamo oltre e liberiamo i diavoli! Qualche idea di ricetta?

Prova Angeli e Demoni con:

  • Risotto alla Barbera oppure al Gorgonzola
  • Pasta al forno con ragù di carne

E tutte le prime portate a base di tartufo

Per il vostro secondo piatto e per non lasciare che quel demone torni a dormire:

  • Arrosti e carni rosse
  • Formaggi tipici piemontesi come il bross, la toma e il raschera

Ed il celebre brasato alla Barbera con polpa di manzo, verdure, erbe e spezie.

Se non vi sentite pronti ad affrontare il vostro dark side, sappiate che il tabù dell’impossibilità di abbinare vini rossi e pesce è ormai stato sdoganato.

Abbinamenti più delicati, per stimolare la buona venuta dell’angioletto che sicuramente sotto-sotto-siete, vi suggeriamo di abbinare Angeli e Demoni con:

  • Merluzzo fresco
  • Stoccafisso 
  • Baccalà norvegese

Cucinati a vostro piacere: al vapore o in tartare, mantecati o fritti, gli aromi decisi di merluzzo, stoccafisso e baccalà vengono esaltata da questa giovane Barbera.

Il tocco di classe? Accompagnateli con fiori e frutta rossa!

Qui in Winelivery ci è venuta sia fame che sete… E voi cosa state aspettando? Per ricevere in meno di 30 minuti il vostro Angeli e Demoni direttamente a casa basterà un click!