fbpx
Storie, Racconti, Notizie sul mondo del Vino

GIN E ACQUA TONICA: DA MEDICINA PER LA MALARIA A COCKTAIL

L’abbinamento di gin e acqua tonica ha una storia antica e importante, tanto che Winston Churchill affermava «il gin tonic ha salvato più vite e menti degli uomini inglesi che tutti i medici dell’impero».

La Storia del Gin Tonic

Il Gin Tonic, ad oggi, è uno dei cocktail più richiesti e famosi nel mondo, ma non è nato da subito con questo intento conviviale, bensì come prodotto medicinale. 

Infatti, molti dei distillati e bevande che tutt’oggi consumiamo sono st  ati inventati per curare le più disparate malattie, così anche per l’acqua tonica e il gin. Ma qual è la storia?

Come è nata l’Acqua Tonica

L’acqua tonica è nata a fine settecento in diversi passaggi: prima è stata introdotta l’anidride carbonica nell’acqua, rendendola effervescente. Questa versione iniziale veniva usata per curare indigestione e gotta. Successivamente l’esercito inglese residente in India, con l’obiettivo di curare la malaria, iniziò ad aggiungere a questo preparato il chinino, una sostanza ricavata dall’albero della china (Cinchona ledgeriana), e zucchero creando la prima Indian Tonic Water.

Come è avvenuto l’abbinamento tra Gin e Acqua Tonica?

Sempre i soldati Inglesi, intenti a scoprire nuovi modi di usare il chinino, siccome questa sostanza era molto amara, la mescolavano con acqua e molte volte, per renderla più gradevole, anche al gin.

E così si creò il primo Gin & Tonic, il cocktail che per Winston Churchill «ha salvato più vite e menti degli uomini inglesi che tutti i medici dell’impero».

L’evoluzione dell’Acqua Tonica

L’Acqua Tonica da medicinale di fine Settecento ne ha fatta di strada. Mille varianti diverse, dal gusto agli aromi. Il miglioramento è stato spinto dal consumo sempre maggiore del Gin & Tonic e dalla ricerca meticolosa dei mixer più pregiati.

Dalla sensibilità sempre crescente dei consumatori nei confronti di ingredienti nella miscelazione, i Bartender si sono impegnati a cercare Toniche dalla caratteristiche uniche e Premium, come la linea dei mixer Royal Bliss. Ogni bottiglia è un invito a esplorare e sperimentare, osare con nuove esperienze di degustazione che avvolgono tutti i sensi.

 

  • Creative Tonic Water: la reinvenzione di un classico, con un perfetto equilibrio tra gusto amaro e dolce e con profumi agrumati e speziati
  • Creative Zero Sugar Tonic Water: senza zucchero ma con molta fantasia. Pulita ed elegante all’olfatto, in bocca ha una delicata frizzantezza, ben bilanciata, senza dimenticare il sapore amaro del chinino
  • Exotic Yuzu Taste Sensation Tonic Water: un sapore che viene dall’oriente e porta lontano i sensi. Aspra e rinfrescante all’olfatto, in bocca esalta la complessità dei tocchi aspri e amari, con sfumature che ricordano il mandarino, lo yuzu e i fiori di arancio, per un sapore asciutto ma fresco.

 

La ricetta del Gin & Tonic

I consigli su come mixare il Gin & tonic perfetto sono divergenti, ma molti Bartender concordano sulla proporzione 1/3 di gin e 2/3 di acqua tonica. Per le altre varianti dipende molto dall’orario e dalla necessità dell’occasione.

Noi consigliamo queste ricette:

Royal Blue Navy” 

  • 1/3 di gin, Gin Grifu Silvio Carta
  • 2/3 di acqua tonica, Royal Bliss Creative Tonic Water
  • 1 fetta di limone
  • ghiaccio
  • opzionali: 1 goccia di Angostura

 

Vuoi Sperimentare? Prova il Royal Blue Navy Zero

  • 1/3 di gin rosa, Gin Pigskin Pink Silvio Carta
  • ⅔ di acqua tonica zero succhero, Royal Bliss Creative Zero Sugar Tonic Water
  • 1 fetta di cetriolo
  • ghiaccio

 

Scopri la Selezione Royal Bliss su Winelivery,, oltre alle Toniche troverai altri ottimi Mixer come Ginger Beer, Ginger Ale, Ironic Lemon. In 30 minuti a casa tua pronte per essere Mixate!