fbpx
Storie, Racconti, Notizie sul mondo del Vino

A proposito di Prosecco…le 4 curiosità che ti lasceranno a bocca aperta.

Scopri con Winelivery 4 cose inaspettate sul Prosecco.

Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo sorseggiato un frizzante calice di Prosecco. Molti lo amano, alcuni lo odiano, ma conosciamo davvero tutto di questo grande classico della tradizione italiana?

Winelivery ha deciso di svelarvi 4 curiosità legate al Prosecco, per farvi diventare consumatori sempre più esperti, o semplicemente per darvi una chance di stupire i vostri amici nel weekend durante un aperitivo.

1. Il Prosecco è il vino più venduto al mondo.

Ebbene sì, dal 2014, dopo aver superato anche le vendite dello Champagne, il Prosecco è ufficialmente il vino più venduto nel mondo, e detiene tuttora questo record. I mercati internazionali di riferimento sono gli Stati Uniti e la Cina, mentre sul territorio europeo il maggior importatore risulta essere il Regno Unito.

2. Franciacorta e Prosecco non sono la stessa cosa!

Non tutti sanno che gli spumanti, pur sembrando identici all’apparenza, non sono tutti uguali. La differenza sostanziale risiede nel metodo di lavorazione: alcuni di essi, come i Franciacorta, ricorrono al cosiddetto Metodo Classico (che prevede una rifermentazione in bottiglia ottenuta con l’induzione di zuccheri e lieviti selezionati); altri invece, come il Prosecco stesso, utilizzano il Metodo Charmat (effettuando la stessa rifermentazione, ma in grosse cisterne chiuse in acciaio, dove vengono aggiunti zuccheri e lieviti).

3. Non esiste un solo di tipo di Prosecco.

Proprio in base alla quantità di zuccheri che vengono aggiunti durante la fase di rifermentazione, è possibile individuare 3 categorie principali di Prosecco: la versione extra dry, in assoluto la più diffusa, dal sapore morbido e versatile, adatto sia a un dolce che a un aperitivo; la versione dry, leggermente più secca, è simile alla precedente ma non abbastanza dolce per accompagnare un dessert; la versione brut, più moderna e internazionale delle altre due, è la categoria meno zuccherina.

4. Il Prosecco non è un uva!

Sappiamo che spesso i vini prendono il nome dall’uva da cui derivano. Non è questo il caso del Prosecco. In pochi sanno, infatti, che l’uvaggio maggiormente utilizzato nella produzione di Prosecco è la Glera, e che solo quella proveniente da determinati territori garantisce la denominazione DOC e DOCG al prodotto finale.

Winelivery vi consiglia un divertente confronto tra il Valdobbiadene Prosecco DOCG Brut e il Prosecco DOC Millesimato Extra Dry 2017, entrambi prodotti dall’azienda 900 Wines, per scoprirne tutte le differenze e le similitudini. Potete ordinarli entrambi sul nostro sito e su applicazione, ricevendoli in mezz’ora comodamente a casa vostra, alla giusta temperatura di servizio.