fbpx
Storie, Racconti, Notizie sul mondo del Vino

red or white xmas? – VivaMaria e il Moscato di Scanzo

Cari Winelovers,

oggi per “red or white xmas” abbiamo due ospiti d’eccellenza: Maria, una ragazza di Bergamo, e il suo Moscato di Scanzo!

Maria Nosari, 32 anni di Bergamo, è laureata in Giurisprudenza e, dopo aver lavorato in uno studio legale e nello studio notarile di famiglia, ha deciso di dare una svolta alla sua vita: dagli studi di legge agli studi enogastronomici. “Oggi sto frequentando un Master in Food&Wine Communication presso la IULM di Milano con la speranza di acquisire più nozioni possibili sul mondo della comunicazione enogastronomica”.

maria
Maria Nosari e il suo stand alla Festa del Moscato di Scanzo.

Questo per seguire una passione di famiglia…
“Il Moscato di Scanzo VIVAMARIA nasce da un idea di mio padre che, avendo 1 ettaro di terreno nel paese di Scanzorosciate -da cui prende il nome questo Moscato di Scanzo-, era solito regalarlo ai clienti e berlo con gli amici.
Purtroppo venne a mancare nel marzo del 2014 ed io decisi di continuare la produzione del VIVAMARIA in suo ricordo. La produzione del nuovo VIVAMARIA è iniziata con la raccolta del 2013 che ha permesso la sua vendita nel novembre del 2015.”

moscati
VIVAMARIA, Moscato di Scanzo.

Il Consorzio  di Tutela Moscato di Scanzo nasce nel dicembre del 1993, con D.M del 17 aprile del 2002 viene istituita la denominazione “Moscato di Scanzo Doc o “Scanzo Doc”, infine, a fronte della sua particolarità ed unicità, nel febbraio del 2009 il Ministero delle Politiche Agricole accoglieva la richiesta del Consorzio di attribuire a questo vino autoctono la “Denominazione di Origine Controllata e Garantita”.

Oggi il Moscato di Scanzo e la più piccola DOCG d’Italia, viene coltivato in soli 31 Ettari nel Comune di Scanzorosciate , provincia di Bergamo, da un vitigno che possiede lo stesso nome del vino che genera.

moscato-di-scanzo
Terre del Moscato di Scanzo.

La vendemmia avviene tra la fine di settembre e la metà di ottobre dove le uve  meticolosamente selezionate vengono poste in appassimento, in graticci o in apposite cassette, in ambienti ventilati o termo condizionati, per un minimo di 21 giorni, al fine di controllarne l’ evoluzione ed evitare che si formino le muffe.

moscato-di-scanzo
Appassimento delle uve.

Il disciplinare di produzione, dopo l’appassimento, prevede che venga lasciato in vasche di acciaio per almeno 2 anni per affinare le sue qualità e successivamente imbottigliato.

VIVAMARIA, procedimento e scheda tecnica a cura dell’enologo Massimo Gigola.

original.jpg
VIVAMARIA, un regalo perfetto.

Vino prodotto con uve fatte appassire in piccole cassette di legno per 45 giorni mediante ventilazione naturale del fruttaio.
L’uva al giusto grado di appassimento (oltre i 20 gradi alcolici potenziali) è stata pigiata e privata dei graspi, e il pigiato ottenuto è stato convogliato in una botte d’acciaio dove ha macerato a freddo per una settimana.
Successivamente è stata innescata la fermentazione alcolica mediante la preparazione e la moltiplicazione di un ceppo di lievito selezionato.
Il mosto ha fermentato sulle bucce a temperatura controllata per circa 20 giorni durante i quali, con continui rimontaggi, sono stati estratti colore, tannino, sostanze minerali e aromi.
Il vino ancora dolce è stato tolto dalle bucce per conservare il residuo zuccherino tipico del vino passito di Scanzo.
Dopo alcuni travasi, per separare il vino dal fondo, il prodotto si è affinato in vasca d’acciaio per 2 anni.
Durante questo lasso di tempo il vino ha raggiunto la sua naturale stabilità e caratteristica.
Filtrato leggermente è stato imbottigliato in bordolesi da 500 ml con tappo in sughero.

Dati analitici: gradazione alcolica svolta 15,00%vol; zuccheri residui 100 g/L; estratto secco ridotto 38 g/L; acidità totale 8g/L.

Dati organolettici: Di colore rosso rubino con riflessi violacei, al naso si apre con le note tipiche del vitigno moscato di Scanzo. Si percepiscono note di frutta rossa tipo ciliegia e mirtilli unite a sentori di fiori bianchi cedro candito e mughetto.
Al palato l’ingresso è ampio e avvolgente, dolcezza abbondante ma equilibrata da una buona ricchezza di tannino e da un’acidita’ fissa non indifferente. Chiude sapide e lungo.

Ringraziamo di cuore Maria Nosari, non solo per il tempo dedicatoci ma per il tempo e la passione dedicata alla produzione di uno splendido Moscato di Scanzo: il VIVAMARIA!

Se volete assaporare questa meraviglia o meglio regalarlo per poterlo apprezzare in compagnia, non fatevelo scappare, lo trovate qui!